Progetto Pregiudizio

Progetto Pregiudizio

Progetto "Diamo un Calcio al Pregiudizio" Obiettivo 14 agosto 2020

La comunità di accoglienza per minori CASA GINA, con l'Associazione Italiana Arbitri (Sezione di Sassari) e la ASD Don Bosco di Nulvi, negli ultimi due anni, ha collaborato al fine di promuovere la diversità, come fonte di arricchimento e non come base al pregiudizio.

La nostra intesa si è concretizzata in un evento sportivo, a Giugno 2017 e Luglio 2018, in cui sono scesi in campo le rappresentative di CASA GINA, della Don Bosco e dell'AIA di Sassari, disputando un torneo di calcio a 5, con l'obiettivo di raffigurare tre importanti realtà: quella degli adolescenti della comunità, quella degli sportivi amanti del calcio della Don Bosco e quella di chi, come l'arbitro di calcio, simboleggia il rispetto delle regole.

Abbiamo ritenuto significativo, dal punto di vista educativo e sociale, unire le nostre forze per sostenere che la diversità di queste tre realtà, è un punto di forza, quando lo strumento sportivo, veicolato dal rispetto delle regole, rappresenta un motivo di crescita importante per ragazzi provenienti da disagio sociale, culturale ed economico.

A distanza di due anni, le nostre ambizioni si sono evolute e pensiamo di ampliare e arricchire la collaborazione coinvolgendo anche altre realtà e altri destinatari.

Abbiamo pensato di strutturare il progetto "DIAMO UN CALCIO AL PREGIUDIZIO", coinvolgendo anche associazioni culturali, apparentemente diverse, come il Gremio dei Contadini dei Candelieri di Sassari e i Candelieri di Nulvi, nonché incontri socio-educativi rivolti agli adolescenti non solo della Comunità, ma anche del Paese di Nulvi.

I SOGGETTI COINVOLTI

  • Gli ospiti e gli educatori della Comunità di accoglienza per minori CASA GINA di Nulvi.
  • L' Associazione Italiana Arbitri (Sezione di Sassari).
  • L'ASD Don Bosco di Nulvi.
  • Il Comune di Nulvi (con il coinvolgimento del Servizio Sociale).
  • I Candelieri di Nulvi (Gremio dei Messai).
  • Il Gremio dei Contadini dei Candelieri di Sassari.

MISSION E OBIETTIVI

In comunità sono accolti minori (maschi e femmine) di età compresa tra gli 11 e i 19 anni, tutti provenienti da situazioni di disagio e deprivazione affettiva, sociale, culturale e economica. Nella comunità sono accolti anche ragazzi che sono entrati nel circuito penale del CGM (Centro Giustizia Minorile), minori affetti da patologia psichica, ritardo mentale o dello sviluppo socio-psico-affettivo.

La comunità è un quadro in cui sono raffigurati moltissimi colori, che rappresentano la diversità e che di fatto rappresentano la società: diversità del contesto culturale, sociale, economico di provenienza, di colore, religione, o semplicemente la diversità della storia di ciascuno, la diversità del pensiero, delle credenze, dei valori. La comunità rappresenta i problemi della nostra società, le mancanze delle figure genitoriali, degli affetti e le difficoltà che affrontano i minori di una comunità, sono spesso le stesse di quelle che devono affrontare i minori accolti in una famiglia "normale" (il pericolo delle tossicodipendenze o della devianza). Promuovere iniziative di confronto e dialogo (sportive, culturali ed educative) risulta uno strumento di crescita per tutti gli adolescenti, non solo per quelli inseriti in comunità, per questo motivo l' iniziativa di coinvolgere anche la popolazione (adolescenti e le loro famiglie) del Paese che ci ospita: Nulvi.

Il Progetto "DIAMO UN CALCIO AL PREGIUDIZIO: OBIETTIVO 14 AGOSTO 2020" intende proprio utilizzare la diversità come motivo di arricchimento e di crescita e il confronto tra relatà differenti, come strumento di crescita per l'adolescente, inserito in comunità o in famiglia.

Gli obiettivi specifici, che si intende raggiungere da Ottobre 2018 al 14 Agosto 2020 sono:

  • Favorire momenti di confronto e interazione tra CASA GINA e la realtà Nulvese al fine di favorire l'integrazione. L' accoglienza di minori diventa uno strumento di accrescimento per la popolazione e viceversa.
  • Utilizzare lo strumento CALCIO, ovvero lo sport, come metodo educativo SANO di crescita non solo per gli ospiti della comunità, ma anche per l'adolescente in generale.
  • Arricchire lo strumento educativo sportivo del rispetto della norma, attraverso il coinvolgimento della figura dell'arbitro, inteso come educatore e adulto di riferimento che ne rappresenta l' autorevolezza. Comprendere e rispettare le regole è particolarmente difficile per l'età adolescenziale, trattare questo tema utilizzando il “campo di calcio” e l' “arbitro” aiuta l'adolescente nel processo di interiorizzazione della norma.
  • Promuovere il calcio SANO e RISPETTOSO come strumento educativo di crescita da proporre sia nel contesto familiare che nel contesto comunitario.
  • Accrescere le conoscenze personali in merito alle tradizioni culturali e folkloristiche del territorio sassarese e nulvese; arricchire il senso di appartenenza al territorio attraverso il confronto tra due tradizioni diverse, ma vicine anche territorialmente, e nella trasmissione di valori.
  • Informare i giovani e le loro famiglie sugli effetti dannosi e nocivi legati all'uso di sostanze stupefacenti; trovare nell'ambiente sportivo un territorio, non solo di informazione, ma anche di prevenzione.

ATTIVITA' PREVISTE (DI CONFRONTO E DI DIALOGO CULTURALE, SPORTIVO, EDUCATIVO/SOCIALE)

Le attività previste nel Progetto "DIAMO UN CALCIO AL PREGIUDIZIO: OBIETTIVO 14 AGOSTO 2020" sono attività di confronto e dialogo in ambito culturale, sportivo e sociale rivolte agli adolescenti della comunità di accoglienza CASA GINA e agli adolescenti (e loro famiglie) coinvolte dalle altre Associazioni partecipanti al progetto. Di seguito le attività che si intendono realizzare da Ottobre 2018 al 14 Agosto 2020.

  1. Incontri di formazione/informazione presso la sede dei Candelieri di Nulvi finalizzati a conoscere la storia della tradizione nulvese. Questi momenti sono rivolti ai minori della comunità CASA GINA ed estesi agli adolescenti di Nulvi (e loro famiglie) nonché alle altre Associazioni partecipanti al progetto.
  2. Incontri di formazione/informazione presso la sede del Gremio dei Contadini di Sassari, finalizzati a conoscere la storia della tradizione del gremio sassarese. Questi incontri sono rivolti ai minori della comunità CASA GINA ed estesi agli adolescenti di Nulvi (e loro famiglie), nonché alle altre Associazioni partecipanti.
  3. Dibattiti di scambio e confronto tra le due Associazioni culturali: il gremio dei Contadini di Sassari e i Candelieri di Nulvi, con l'obiettivo di una conoscenza reciproca e di uno scambio interculturale che nella diversità crea un'occasione di arricchimento. Questi incontri sono aperti agli ospiti della Comunità CASA GINA, agli adolescenti di Nulvi (e loro famiglie) e a tutte le Associazioni che partecipano al progetto.
  4. Incontro di informazione “INCONTRI SUL TEMA DELLA SALUTE”
  5. Torneo di calcio a 11, da realizzare a Giugno (2019 e 2020), con le rappresentative di CASA GINA, ASD Don Bosco, A.I.A. Sez. di Sassari, Candelieri di Nulvi, gremio dei Contadini di Sassari. In questa occasione verranno proiettate le immagine delle varie attività svolte nei mesi precedenti e sopra elencate.

TEMPI

Da Ottobre 2018 al 14 Agosto 2020.